Il sogno di Atacama

​​​​​​​​

 

Vi è mai capitato di realizzare un sogno e soprattutto di rendervene conto mentre ciò stesse accadendo? È la sensazione ricorrente che in questo viaggio sto provando, in particolar modo ora che mi trovo a San Pedro de Atacama nel nord del Chile, al confine con la Bolivia.

Mi emoziono di fronte a questi paesaggi, così lontani dalla nostra Europa, ma così presenti dentro di me. Altipiani desertici con vulcani dalla cime innevate, lagune blu cobalto e steppe color oro e verde intenso con lama e vigogne al pascolo, deserti con dune e rocce erose dal tempo e dalla forza della natura, enormi distese di sale sorvolate da fenicotteri rosa.

Luoghi come il deserto di Atacama custodiscono un fascino misterioso, legato ai cicli millenari che la natura vive: dove qui migliaia se non milioni di anni fa c’erano i ghiacci, ora piove solo alcune settimane all’anno. Una nuova cordillera sta già nascendo, per la subduzione della placca di Nazca, e tra migliaia di anni le Ande avranno delle sorelle. Nel salar de Surire vivono alcuni tra i batteri più antichi mai conosciuti, quelli che hanno dato inizio alla vita sulla terra. Da qui è iniziato tutto.

Non siamo nulla di fronte alla natura, questo solo basterebbe per convincerci a portarle rispetto. Non lo facciamo purtroppo, crediamo di esserle superiori, ma la verità è che un vulcano, un deserto di sale, una laguna blu cobalto portano con sè molta più storia di noi.

Forse anche per questo mi emoziono, sono consapevole di vivere un mondo bellissimo, che non ci appartiene, ma di cui siamo parte. Un mondo che cambierà, che non sarà più lo stesso. Tutto cambia, la natura lo insegna, ancora una volta se ne facessimo tesoro avremmo molte meno paure nella nostre vite e impareremo a vivere i cambiamenti con serenità.

Ora chiudo lo zaino, riempio il mio boccione da sei litri di acqua, ricarico le batterie della mia reflex e chiudo gli occhi in attesa di vivere il prossimo sogno: el salar de Uyuni. Domani si parte in 4x4, 3 giorni di deserto per arrivare poi ad ammirare il deserto di sale più grande del mondo.

 

Vulcanos y salares.

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post recenti

June 12, 2018

Please reload

Tag
Please reload

Follow me
  • Instagram
  • Facebook