Hasta pronto Buenos Aires

February 27, 2018

 

Oggi saluto Buenos Aires, ma credo che sarà solo un arrivederci. Forse passeranno altri 14 anni, ma tornerò. Questo luogo ormai fa parte di me. E troverò sempre degli amici, come Tavi, pronti a scarrozzarmi per la città.

È stato bello tornare e mi ha sorpreso scoprire come poco sia cambiato in tutto questo tempo. Anche un po’ in me. Buenos Aires è sempre la città dagli spazi immensi e dai quartieri intimi e accoglienti, due facce di una stessa medaglia. Grandiosa e umana, celebrativa e semplice. Gli argentini...semplicemente argentini. Qua è impossibile non sentirsi a casa e scambiare due parole con chiunque in qualunque luogo. C’è sempre una mano tesa pronta ad aiutarti. Adoro come ti salutano: “cuidate” “suerte” “que te vaya bien”. Da noi siamo freddi, forse anche colpa di burian, ma qui ti regalano un po’ di affetto anche nei saluti.

Buenos Aires è una metropoli che vuole essere europea, ma che ha un anima latina. È fatta di persone e di storie.
Buenos Aires vive nel sogno di Damian: cameriere in un ristorante italiano che si chiama “Fanculo”, sogna di diventare sommelier e nel frattempo suona il tango da far venire la pelle d’oca. Damian, che ci vadano gli altri a f...

Buenos Aires è la gioia di vivere di Don Antonio, persona umile e semplice, con un paio di vizi, pochi soldi in tasca ma tanta generosità. In formato bottiglia di vetro da 1 litro.

Buenos Aires è la libertà di Xavier, svizzero ventisettenne in giro per il mondo da due anni, sogna di girare l’Italia zaino in spalla. Xavier è l’unico che si è accorto dei miei amici immaginari perché alla mattina mi saluta sempre “tutti bene?”. Quasi tutti grazie.

Buenos Aires è il punto di partenza di tanti viaggiatori connazionali come Stefano, Paola, Dario. Chi comincia bene, viene a Baires! Suerte!

Mi aspettano 15 ore di bus, direzione Mendoza. Ora vado a fare lo zaino. Questa parte del viaggio, ho capito, sarà sempre la più incasinata. Credo che i vestiti si duplichino la notte, è l’unica spiegazione razionale che trovo nel non riuscire più a chiuderlo. Ma poi, perché ho portato due paia di infradito in un viaggio in cui starò tra montagne e deserti?

Listo.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post recenti

June 12, 2018

Please reload

Tag
Please reload

Follow me
  • Instagram
  • Facebook